Carmela Giglio

BIO

carmela_giglio_profiloNata a Pompei nel 1958, è inviata di politica internazionale del Gr-Radio1. Dopo essersi “fatta le ossa” collaborando alle pagine di cronaca locale del quotidiano napoletano “Il Mattino” e alla rivista di politica meridionalista “Nord e Sud”, nel 1981 vince un concorso per l’avviamento alla professione giornalistica, bandito dalla Federazione Editori e dalla Federazione Nazionale della Stampa. E approda al quotidiano romano “Il Tempo”. Nel ’96 inizia a lavorare in Rai, al Tg1, nella rubrica pomeridiana di attualità “Prima” e successivamente nella redazione Esteri
Dal 2003 è in forza a Radio Rai dove, da inviata della Redazione Esteri, ha seguito alcuni tra i principali eventi di politica internazionale degli ultimi anni: le elezioni presidenziali americane, dalla vittoria di Bush per il secondo mandato nel 2004 fino all’ultimo duello Clinton – Trump, passando per l’ascesa politica e l’arrivo alla Casa Bianca di Barak Obama. Dagli attentati di Londra del 2005 alle rivolte giovanili in Inghilterra nel 2011, fino al referendum sulla Brexit. Dall’arrivo al potere di Erdogan in Turchia fino al fallito colpo di Stato dello scorso luglio, con la successiva campagna di epurazioni lanciata dal governo. Dagli attentati che hanno insanguinato la Tunisia con gli attacchi al Museo del Bardo e a Sousse, alle stragi di Parigi del novembre 2015. Particolare l’impegno nelle aree di crisi e di conflitto: dalla guerra in Libia che sta documentando per il Giornale Radio fin dalle prime fasi della rivolta anti – Gheddafi in Cirenaica. Alla lotta contro l’Isis raccontata dai fronti del confine turco- siriano e del Kurdistan iracheno. Tra le crisi che ha seguito più da vicino anche l’Afghanistan, dall’intervento Nato ai difficili sforzi di stabilizzazione del Paese ancora in corso.

MEDIA GALLERY

Carmela Giglio ha voluto condividere con il Forum delle giornaliste del Mediterraneo alcuni ricordi per lei significativi, che testimoniano il suo pluridecennale impegno di inviata nei luoghi di crisi più remoti della Terra.

FOTO

AUDIO