Marco Polignano

BIO

Marco Polignano è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Informatica dell’Università di Bari Aldo Moro ed è membro del gruppo di ricerca SWAP (Semantic Web Access and Personalization) – Antonio Bello. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Informatica e Matematica nel 2018, presso la stessa Università con la tesi dal titolo “An affect-aware computational model for supporting decision-making through recommender systems”.
È membro del comitato di programma per numerose conferenze internazionali riguardanti l’intelligenza artificiale tra cui IJCAI, ECAI, IUI, AIVR. È stato membro del comitato organizzatore per la conferenza internazionale sull’intelligenza artificiale “Ai*iA 2017”, della competizione “EVALITA 2018 – ABSITA” incentrata sull’analisi delle emozioni dal testo, della competizione “EVALITA 2020 – ATE_ABSITA” sull’analisi automatica delle recensioni utente, di “UMAP 2020 ExUm” workshop sulla modellazione e la profilazione degli utenti. È revisore di molte riviste internazionali e conferenze sul tema dell’analisi del linguaggio naturale, e l’analisi degli aspetti emotivi legati al testo. Nel 2016 e nel 2018 è stato borsista dell’iniziativa internazionale “Marie Skłodowska-Curie Research and Innovation Staff Exchange (MSCA-RISE)”, coinvolto nel progetto N. 691071, intitolato “Seo-Dwarf: Semantic EO Data Web Alert and Retrieval Framework”. I suoi interessi di ricerca riguardano il filtraggio delle informazioni, i sistemi di raccomandazione, l’informatica cognitiva, l’elaborazione del linguaggio naturale e la profilazione utente. Nel corso della sua carriera, ha acquisito forti competenze in Intelligenza Artificiale, Machine Learning, Data Mining e Big Data.

PANEL

LINK

La mappa dell’odio online: radiografia dell’intolleranza in Italia
Wind day a Taranto: è allarme polveri sottili
Aumenta l’odio per ebrei e migranti sul web: la mappa dell’intolleranza di un’Italia incattivita
Odio online, la mappa dell’intolleranza mostra che le donne sono tra le più discriminate. E più se ne parla, peggio è
Mappa dell’odio sui social: migranti, ebrei e donne i più colpiti
Odio online, la mappa dell’intolleranza mostra che le donne sono tra le più discriminate. E più se ne parla, peggio è
Gli italiani non sono mai stati così intolleranti online
Odio online, la mappa dell’intolleranza mostra che le donne sono tra le più discriminate. E più se ne parla, peggio è
La mappa dell’intolleranza sul web ci impone di non abbassare la guardia
Ecco la prima mappa dell’odio sul web
Dall’omofobia al razzismo: ecco la mappa dell’Italia intollerante
Italia, la mappa dell’intolleranza

PUBBLICAZIONI DI RIFERIMENTO
• Lingiardi, V., Carone, N., Semeraro, G., Musto, C., D’Amico, M., & Brena, S. (2020). Mapping Twitter hate speech towards social and sexual minorities: a lexicon-based approach to semantic content analysis. Behaviour and Information Technology, 39(7), 711-721.

• Musto, C., Sansonetti, A.P., Polignano, M., Semeraro, G., & Stranisci, M. (2019). HateChecker: a Tool to Automatically Detect Hater Users in Online Social Networks. In 6th Italian Conference on Computational Linguistics, CLiC-it 2019 (Vol. 2481, pp. 1-6). CEUR-WS.

• Capozzi, A. T., Lai, M., Basile, V., Poletto, F., Sanguinetti, M., Bosco, C., Patti, V., Ruffo, G.F., Musto, C., Polignano, M., Semeraro, G., & Stranisci, M. (2019). Computational linguistics against hate: Hate speech detection and visualization on social media in the “Contro L’Odio” project. In 6th Italian Conference on Computational Linguistics, CLiC-it 2019 (Vol. 2481, pp. 1-6). CEUR-WS.

• Musto, C., Semeraro, G., de Gemmis, M., & Lops, P. (2016, July). Modeling community behavior through semantic analysis of social data: The Italian hate map experience. In Proceedings of the 2016 Conference on User Modeling Adaptation and Personalization (pp. 307-308).

• Musto, C., Semeraro, G., Lops, P., & de Gemmis, M. (2015). CrowdPulse: A framework for real-time semantic analysis of social streams. Information Systems, 54, 127-146.