Conflitti ambientali da Nord a Sud

21 novembre/12.30-14.30


Il numero sempre crescente di conflitti sociali scaturiti da crisi ambientali sono il sintomo di un modello economico insostenibile basato su rapporti di forza tra colonizzatori e colonizzati. Lo sfruttamento delle risorse naturali e la consequenziale violazione dei diritti individuali e collettivi rappresentano però sempre più spesso un’occasione di sperimentazione di percorsi di partecipazione popolare, di innovazione sociale e gestione alternativa delle risorse e dei territori. Modelli e visioni da valorizzare, per un nuovo protagonismo sociale e la difesa del bene comune.


Introduce, modera e interviene:


Antonietta Podda, giornalista, attivista, esperta di tematiche sui rifiuti: 

"-Taranto e rifiuti -Deposito nazionale dei rifiuti nucleari: a che punto siamo?" 


Intervengono:


Daniela Spera, attivista e giornalista: 

 "Ex Cemerad di Statte: i rifiuti abbandonati nel capannone della vergogna: la storia infinita" 

Roberta Caldera, mamma di Brescia, fondatrice del neo Comitato ‘La Roccia. Giustizia e verità per il futuro’ : 

"Depuratore del Garda viola normativa europea"

SPEAKERS

Forum Mediterranean Women Journalist: FMWJ 2020